VISIONE STRATEGICA

Un mezzo per uno scopo ben preciso

L’azienda durante il suo ciclo di vita ha la necessità di attirare capitali di terzi, siano essi nuovo Patrimonio, nuovo debito e/o nuovi incentivi pubblici.

Il Piano industriale è lo strumento per “raccontare” a questi investitori esterni il progetto per il quale si richiede il loro intervento.Ogni interlocutore vuole ottenere informazioni differenti, ha interessi e aspettative spesso opposte e vuole essere tutelato e rassicurato da rischi specifici.

Per questo il Business Plan, pur rappresentando sempre la visione strategica dell’imprenditore, deve essere modellato ed adattato al soggetto a cui è rivolto.Il consulente deve far propria la view aziendale per riuscire a metterla su carta nel modo più efficiente ed efficace possibile.

BUSINESS PLAN START-UP

Le nuove idee imprenditoriali che cercano capitali esterni devono essere rappresentate mettendone in luce la potenzialità e le qualità dei manager. Chi investe in Start-up punta al 20% nell’idea al 80% nella persona.

BUSINESS PLAN PER FINANZIAMENTI

Se l’interlocutore a cui è rivolto il Piano è una banca, l’obiettivo è quello di mostrare nel modo più chiaro possibile, che i flussi aziendali sono in grado di coprire le rate del finanziamento. La Banca non vuole la luna, ma il minimo ritorno del suo capitale.

BUSINESS PLAN PER BANDI

I BP per l’ottenimento di finanziamenti a fondo perduto e/o agevolati non solo devono rappresentare correttamente il progetto imprenditoriale, ma devono altre-sì precisare con cura i costi che sosterrà nell’immediato futuro l’azienda. Ciò facilita il processo di rendicontazione del bando e massimizza l’ottenimento di fondi.

BUSINESS PLAN M&A

I Piani Industriali di aziende avviate e strutturate sono lo strumento di prima analisi utilizzato in operazioni di acquisto e vendita di aziende.I piani devono essere precisi ed evoluti, perché sono la prima fase di più ampio processo di Due Diligence.

1° STEP

Comprendere

lo scopo

L’analisi dettagliata delle necessità del cliente è il primo passo per comprendere il miglior approccio da utilizzare per esporre la storia che si vuole raccontare.

2° STEP

Ascoltare

e modellare

Una volta compreso lo scopo, si deve comprendere nel dettaglio la visione imprenditoriale del manager. Solo dopo si può procedere alla stesura vera e propria del Business Plan.

3° STEP

Feedback

e correzione

Una volta presentato il Business Plan, lo stesso deve essere testato e valutato con esperti del medesimo settore del target finale. Solo dopo feedback e correzioni si può validare il piano.

APPROFONDIMENTI
Economia ed Azionario vanno a braccetto20200925170752

Economia ed Azionario vanno a braccetto

25 Settembre 2020
Il prodotto interno lordo italiano in termini reali è calato del 12% dal 2000 ad oggi e sta toccando in questi mesi il valore più basso dalla metà degli anni 90. Il trend, iniziato con la crisi del 2008, non è stato mai invertito ed i rimbalzi nell’attività economica sono stati solo temporanei e seguiti […]...
Il Recovery Fund ha un colore verde20200810104246

Il Recovery Fund ha un colore verde

10 Agosto 2020
Il 21 luglio 2020 i leader dell’EU hanno raggiunto un accordo di massima su un pacchetto congiunto del valore di 1.824 Miliardi di Euro che unisce e finanzia il piano finanziario pluriennale (1.074 Mld€) con un piano di rilancio straordinario “Next generation EU” (750 Mld€), che si aggiunge ai 540 Mld€ già disponibili per le […]...
Le 3 caratteristiche fondamentali del Business Plan20200623173306

Le 3 caratteristiche fondamentali del Business Plan

Il Business Plan è uno strumento estremamente utile nel ciclo di vita di un’azienda. Esso non solo è la rappresentazione in parole e numeri della “vision” imprenditoriale, ma è anche la base su cui giudicare la capacità di realizzare tale visione. In questo contesto il Business Plan deve avere determinate caratteristiche che gli permettono di […]...
Mr Market ha sempre ragione.20200608181017

Mr Market ha sempre ragione.

8 Giugno 2020
Nuovi massimi. Nel momento esatto in cui stiamo scrivendo questa Newsletter l’indice azionario americano Nasdaq 100 ha superato il massimo storico del 19 febbraio 2020 ed ha completamente azzerato le perdite causate dalla pandemia COVID. Anche l’indice S&P500 ed il DAX, indici azionari con una più elevata componente industriale, sono saliti molto rispetto ai minimi […]...
Altro...